Tutto in una notte | Virgin River | Come una coperta in inverno

«Un nuovo inizio»

Una seconda occasione non è forse ricercata da tutti noi? Mettere in vendita la propria casa, lasciare il lavoro e trasferirsi in un luogo del tutto nuovo, una cittadina immersa nel verde e attraversata da un pittoresco fiume, una bellissima casa di legno adiacente al bosco e il desiderio di ricominciare e lasciarsi alle spalle i ricordi dolorosi legati al passato. È quello che fa Melinda, infermiera specializzata in ostetricia che un giorno abbandona Los Angeles per riprendersi da un brutto trauma, in cerca di un nuovo inizio a Virgin River.

virgin river serie tv tutto in una notte nerdface

Creata da Sue Tenney e tratta dall’omonima serie di romanzi della scrittrice Robyn Carr, Virgin River è una serie TV romance statunitense, di genere drammatico e sentimentale, distribuita da Netflix a partire dallo scorso 2019. Un’ambientazione mozzafiato, accompagnata dalla straordinaria scenografia ripresa nei pressi della stupenda Vancouver, in Canada, ci conducono in luoghi idilliaci e suggestivi, dove la natura esplode in tutta la sua bellezza, restituendo le immagini e la fotografia di un paesaggio incontaminato, impressionante, emozionante. Così, se si è in cerca di un prodotto televisivo da maratona nei pomeriggi piovosi o dopo una stressante giornata di lavoro, non c’è niente di più adatto che questa serie TV. La trama leggera, la caratterizzazione genuina dei personaggi, la vita al rallentatore e sana delle piccole comunità, unite alla dolcezza di una storia d’amore che riscalda il cuore, perché abbatte le resistenze e invoglia a buttarsi a capofitto nelle avventure romantiche e nella passione ritrovata, conquista sin dai primi episodi, legando allo schermo e desiderando che non finisca mai. Piacevole e senza troppe pretese Virgin River, nella prima stagione, composta da 10 puntate, ci racconta l’arrivo e l’inserimento di Melinda (Alexandra Breckenridge) nella piccola comunità della cittadina che dà il nome alle serie. Qui comincia a lavorare come infermiera assistente del burbero medico del paese, chiamato da tutti Doc (Tim Matheson), e stringe subito un forte legame d’amicizia col fascinoso barista Jack (Martin Henderson). I brutti e dolorosi traumi legati al passato le impediscono inizialmente di lasciarsi andare alla forte attrazione che la spinge verso di lui ed è proprio quando Mel deciderà di separarsi dal triste trascorso, per lanciarsi in una nuova vita, che un imprevisto sembra separarli definitivamente.

virgin river serie tv tutto in una notte nerdface

Si chiude così la prima stagione di Virgin River, seguita da una seconda nella quale sarà Jack a dover affrontare i fantasmi del suo passato, a gestire diversi tipi di relazione e ad abbandonarsi ai sentimenti. Intanto la città è in subbuglio a causa di inquietanti avvenimenti. In attesa di una sperata terza stagione, vi consiglio di immergervi in questa serie TV che non vi stupirà per originalità e suspense, ma vi riscalderà come una coperta in inverno, vicino al camino e, magari, se ne avete bisogno, vi convincerà a scrollarvi di dosso il passato, affrontare le antiche paure e ricominciare a vivere.

Condividi il post

Tutto in una notte

«Volevo essere forte e flessibile, come l’eroina di un manga: troppo buona per essere vera».
Nana Osaki

Francesca Russo è la Regina del Binge Watching della Redazione.
Tutto in una Notte è la cronaca delle sue notti insonni al servizio di Nerdface.