David Caruso: lo sguardo sghembo dell’icona di CSI Miami

David Caruso

davud caruso guarda in alto in un ritratto in bianco e nero - nerdface

«Any story you’ve heard of my behavior is probably true».

Rosso Horatio

Masticate serie TV come me, quindi conoscete fin troppo bene il volto di David Caruso, attore italo-irlandese con molta carriera alle spalle. Già, perché inizia sul finire degli anni ’70 ad apparire sul piccolo schermo in alcuni serial polizieschi e ha continuato nel filone fino praticamente a ieri. Sto parlando di show come Hill Street: Giorno e NotteCHiPs o T.J. Hooker.

Per voi e per le mamme

Sono comparsate e spesso non vanno oltre un episodio, ma a queste si aggiungono due parti più importanti. David Caruso, infatti, partecipa come attore non protagonista in Ufficiale Gentiluomo (uno di quei film che dovrebbe piacere alle vostre mamme) e Rambo (uno di quei film che dovrebbe piacere a voi): l’anno è il 1982 e poco tempo dopo lo troviamo nel cast de I Gemelli, con Danny De Vito e l’Arnoldone nostro.

Una perla dimenticata

David Caruso continuerà a dividersi tra piccolo e grande schermo, lavorando spesso con Abel Ferrara, il quale lo dirigerà nel pilot della serie Crime Story e nei film King of New York e China Girl. Gli anni ’80 finiscono, ma c’è ancora tempo per un film: una piccola perla dimenticata, uscita nel 1991, e poi fa sparire le sue tracce. Stiamo parlando di Hudson Hawk, con Bruce Willis.

rambo ferma il pugno tirato da david caruso - nerdface

Bene, io Hudson Hawk lo vidi al cinema all’epoca (smettetela di ridere) e ho pure comprato il gioco per Amiga (va bene, continuate pure) prima di scordarmi della sua esistenza, fino al momento in cui mi sono trovato a redigere questa panoramica. È un film (forse) appena decente ma, riuscì a godere di un discreto successo soprattutto da parte dei più piccoli.

KitKat

Scritto in parte da Bruce Willis stesso, che ne diventa protagonista, la pellicola racconta le peripezie di un ladro alla ricerca di una serie di cristalli creati da Leonardo Da Vinci, capaci di creare la pietra filosofale. David Caruso ne fece parte nel ruolo di KitKat, un uomo al quale è stata tagliata la lingua.

Leggende metropolitane

Narrano le leggende che, per calarsi meglio nella parte, non abbia rivolto la parola a nessuno durante le riprese: questo fattore indica una certa dose di professionalità e impegno, per un progetto ricordato come una dei più grandi flop della storia del cinema. Sul serio: malgrado il traino del videogame, fece un tonfo tale rendere l’ultimo Fantastic Four un blockbuster da cineteca.

david caruso è kitkat e imita la posa arrabbiata di bruce willis - nerdface

La carriera di David Caruso, però, non ha ripercussioni troppo incisive e infatti l’attore continua a girare film per tutti gli anni ’90. Alcuni anche piacevoli. Parlo de Il Bacio della Morte, nel quale lavora a fianco di un giovane Nicolas Cage, proprio grazie a quella pellicola considerato uno dei volti nuovi più promettenti. Ma David Caruso, no.

Jade

Malissimo gli va pure con Jade, thriller erotico del 1995 che gli vale pure una nomination ai Razzie Awards, come già accaduto per Il Bacio della Morte: non lo vince per un soffio ed è salvato da Elizabeth Berkley, di Showgirls.

Il poliziesco in TV

Ma gli anni ’90, se dal cinema fruttano solo sberle e cinquine, dalla TV regalano rose. David Caruso consolida la sua carriera nelle serie di stampo poliziesco. Lo troviamo nelle prime due stagioni di New York Police Department e successivamente come protagonista assoluto di Michael Hayes: una stagione, eppure capace di traghettarlo verso il nuovo millennio e verso una nuova promozione.

david caruso è michael hayes e sembra appena scampato da ll'attentato che ha messo a fuoco un'auto dietro di lui - nerdface

Già, perché nel 2000 inizia CSI, serie dedicata agli uomini della polizia scientifica e, visto il successo, fioccano spin-off da ogni dove. David Caruso, dopo una piccola parte in Rapimento e Riscatto accanto a Russell Crowe, quando valeva la pena rischiare la vita per Meg Ryan, indossa quindi gli occhiali a specchio e lo sguardo sghembo di Horatio Caine, a capo della Scientifica di Miami.

CSI Miami

Saranno 200 e passa episodi di puro piacere e il personaggio diventa talmente iconico da essere omaggiato perfino da Jim Carrey, in una delle sue più riuscite imitazioni, apprezzata dallo stesso attore.

YouTube video

Ovviamente, come fu per Hudson Hawk, anche per CSI Miami arrivano i tie-in su PC e console. David Caruso presta, così, voce e fattezze pure alla sua controparte videoludica. CSI e tutte le sue costole rimangono seguitissime da migliaia di fan e sicuramente la versione ambientata in Florida ha contribuito non poco alla sua ascesa verso l’Olimpo degli attori che ricorderemo sempre.

Oltre l’attore

La televisione in generale gli ha dato tantissimo e non credo sia un caso se abbia deciso di provare anche la carriera di produttore e d’aprire un negozio di vestiti nell’assolata Miami: la David Caruso Television e la Lexicon Digital.

david caruso ha le braccia incrociate e guarda il golfo di miami nella serie csi - nerdface

Per me rimane sempre il tenente Horatio Caine, icona roscia della Miami dove il crimine non dorme mai, con gli occhi sempre puntati sul tramonto, come a dire: «La fine carriera l’ho schivata talmente tante volte, che ormai non mi prende più!». Beffardo e tagliente, siamo d’accordo con lui.

Condividi il post