Jennifer Jason Leigh: un’attrice indeclinabile

un ritratto in bianco e nero dell'attrice jennifer jason leigh - nerdface

Jennifer Jason Leigh

jennifer jason leigh a occhi chiusi in un ritratto in bianco e nero - nerdface

«Ho sempre evitato i drammi nella mia vita. Mi piacciono solo sullo schermo».

Tu chiamale se vuoi

Al netto del tipo di ricorrenza, delle motivazioni che ci spingono a ricordarla e dell’oggetto stesso della celebrazione, ogni Nerd Origin è imprescindibilmente legato a uno o più ricordi di chi lo scrive: quindi è una manifestazione squisitamente soggettiva. A volte si verifica che il personaggio o l’opera di cui si tratta suscitino ricordi e sensazioni assimilabili per un vasto numero di persone; a volte capita che tali ricordi e i pareri che ne derivano si assestino grossolanamente su due fronti opposti, scatenando le odiose tifoserie. A volte, infine, i ricordi sono talmente variegati da costringere a procedere per forza in ordine sparso e Jennifer Jason Leigh, che ha già alle spalle 62 film, 18 serie televisive, u1 videoclip e nemmeno l’ombra di un filo conduttore nelle sue interpretazioni, si colloca prepotentemente in questa categoria.

L’anti-caratterista

E come si fanno gli auguri a un’attrice così? La scelta dell’elenco, che va bene per la spesa e per le enciclopedie, è già svilente di suo. Sparare in ordine titoli e premi sarebbe davvero un dispetto per quella che potremmo tranquillamente l’anti-caratterista di Hollywood. A Hollywood ci è nata, Jennifer Jason Leigh, da padre attore e madre sceneggiatrice.

jennifer jason leigh con espressione seria - nerdface

Ha seguito fin da piccola i corsi di recitazione di Lee Strasberg, quello del metodo della memoria affettiva, e ha cominciato a calcare le scene più disparate, per registi sempre diversi, bissando solo con Robert Altman, i Fratelli Cohen e tale Noah Baumbach, e progetti di ogni tenore e livello. È complicato anche scegliere degli esempi pescando tra i generi: Jennifer Jason Leigh è indeclinabile, anche per categorie.

Metodo Strasberg

Si torna al punto di partenza, dunque, ai ricordi di chi si trova a dover scegliere un omaggio degno non sapendo dove sbattere la testa. Forse l’unico modo per provare a spuntarla è proprio costruire l’inevitabile elenco facendo ricorso proprio al metodo Strasberg: partendo dai ricordi delle sensazioni provate davanti ai film in cui Jennifer Jason Leigh recita per riportare i momenti (soggettivi) più significativi di una carriera così iridescente.

Prime emozioni

E dunque per prima affiora l’angoscia, che s’arrampica dallo stomaco, nel vederla sprovveduta e inerme partire da una tavola calda e finire su un camion, braccata e seviziata dal maledetto Rutger Hauer in The hitcher. Poi è il turno della confusione e di quel pizzico di disgusto che l’ambigua interazione uomo-macchina e le sue contorte conseguenze sperimentate dalla game designer Allegra Geller, qui diretta dal maestro David Cronemberg e affiancata da Jude Law, non possono non suscitare in eXistenZ: un film assurdo e ingiustamente sottovalutato.

jennifer jason leigh e jude law in existenz - nerdface

E poi? Poi c’è il fastidio generato su Netflix, dal 2017 al 2021, dalla mania di controllo di Elsa, madre di un ragazzo autistico che preferisce sabotare le vite dei propri cari piuttosto che perdere la presa in Atypical.

jennifer jason leigh urla insieme a kurt russell in the hateful eight - nerdface

Infine chi scrive pensa alla gioia selvaggia, al piacere quasi sessuale e vicinissimo all’orgasmo provati nel gustare la nostra Jennifer Jason Leigh battersi alla pari per talento e cattiveria con gli altri sette mostri sacri sbattuti da Quentin Tarantino in quella spremuta di sangue che è stata The hateful eight: una lezione magistrale. C’è altro? Assolutamente sì. Ve ne deve parlare Nerdface? Scordatevelo.

Condividi il post