Resident evil village | Più azione e meno horror | Recensione

Il voto di Nerdface:
4.0 out of 5.0 stars

Serie Resident Evil
Uscita 7 Maggio 2021
Gameplay Single Player
Anno 2021
Piattaforma PC
PS4
PS5
XBOX ONE
XBOX Serie X/S
Stadia
Genere Survival horror
FPS
Avventura
Sviluppatore Capcom
Produttore Capcom
Distributore Capcom

Il voto di Nerdface:
4.0 out of 5.0 stars

Seguito diretto di Resident Evil 7Village continua la storia del precedente capitolo, tornando a farci impersonare Ethan Winters. Di più, il secondo capitolo in prima persona, il decimo della saga se non contiamo gli spin-off, si riaggancia al titolo precedente in più punti e porta avanti il progetto per i Resident Evil dei prossimi anni. Piaccia o meno. Sono infatti molti i fan storici della saga che lamentano un allontanamento troppo marcato rispetto ai capitoli storici, tra l’altro recentemente riportati in auge con due remake; da questo capitolo forse rimarranno ancora una volta delusi. Siamo fan di vecchia data anche noi, tuttavia, e Village ci è piaciuto, sebbene sia davvero molto diverso da quanto la saga ci aveva abituato.

Trama

Dopo gli eventi di Resident Evil 7, ritroviamo Ethan Winters alle prese con una nuova avventura, che lo condurrà in un villaggio sperduto dell’Est Europa. Come da copione, dovrà affrontare una schiera di mostri che hanno attaccato il villaggio e si troverà di fronte una minaccia temibile in colei che questi mostri ha creato e comanda.

Le quattro antagoniste del videogioco resident evil village - nerdface

La trama di Village scorre molto liscia e guida il giocatore attraverso varie aree di gioco, sia nel villaggio, sia nei suoi dintorni. Ad arricchirla, ci sono i molti documenti leggibili e non mancano i colpi di scena, su cui ovviamente tacciamo, ma che cambieranno totalmente la vostra percezione di alcuni elementi del gioco. Si arriva alla fine in una decina di ore o poco più e, dopo la scena finale, personalmente ci siamo ritrovati a sperare in un sequel che arrivi il prima possibile.

Gameplay

Gli stilemi di Resident Evil sono sempre stati molto orientati al survival. Bisognava risparmiare in munizioni e cure e proseguire affrontando enigmi, mai difficilissimi ma ponevano comunque un certo livello di sfida. In Village, invece, complici nemici decisamente più dinamici degli zombie, conviene molto e sempre tirare fuori le bocche da fuoco e falcidiare chi ci troviamo di fronte. I nemici eliminati lasciano loot utili al fine di recuperare la moneta di gioco, indispensabile per acquistare potenziamenti e nuove armi. Viene da sé che il gioco abbia un’impronta decisamente più action. A riprova, abbiamo anche la modalità Mercenari, che si sblocca al primo completamento e presenta una serie di orde da affrontare ed eliminare il più rapidamente possibile. Con questa impronta, è decisamente importante che il gunplay funzioni a dovere. E lo fa: non è perfetto, ma è divertente e appagante; purtroppo, è anche uno degli elementi che i fan di lunga data sentiranno più stonato col resto della serie.

Una vecchia con un teschio in mano in Residetn Evil Village - nerdface

Per quanto riguarda gli enigmi, pur essendo molti e diffusi in tutti gli ambienti di gioco, poiché alcuni di essi sono legati a diversi oggetti che non è obbligatorio raccogliere, come armi o tesori da vendere, li abbiamo trovati molto meno complessi di quanto ci aspettassimo e non pensiamo possano mettere in difficoltà quanti di voi abbiano una certa esperienza col brand e in generale col mondo videoludico.

Feeling

Village è un’esperienza molto ben riuscita, è gioco d’intrattenimento e un action-horror. Più action, purtroppo, perché dell’horror è rimasto poco. Non che l’esperienza sia totalmente scevra dalla paura e dalla tensione, ma sicuramente lo è in maniera più limitata rispetto agli altri capitoli della serie. A parte un solo momento da giocare al buio e da soli a casa per farvi accapponare la pelle, il resto del gioco vi mette un’ansia annullata dalle forti botte d’adrenalina degli scontri frequenti: se sei disarmato o senza munizioni e braccato, senti fortissimo il senso di disagio; se invece puoi tranquillamente imbracciare il tuo fucila a pompa e scaricarlo in faccia al primo mostro che ti capita a tiro, quella tensione viene meno.

Un campo con uno spaventapasseri - nerdface

Resident Evil Village resta comunque un ottimo gioco, spettacolare negli scorci, sontuoso in alcuni ambienti, accattivante nel come spinga a portare avanti l’avventura. Ci sono però alcuni punti deboli, giudicabili secondo il gusto personale e non per tutti saranno impattanti. Il primo è la voce del protagonista, affidata ancora una volta a Renato Novara, doppiatore di Ted Mosby nella serie How I met your mother. Intendiamoci: Novara svolge un lavoro egregio, ma purtroppo è fin troppo facile sentire nelle esclamazioni di Winters quelle di Mosby e perdere in un attimo tutto il mood costruito dalle situazioni di tensione, soprattutto quando il protagonista, nel corso del gioco, compie azioni del tutto insensate, risultando essere forse il meno carismatico tra tutti i personaggi mai realizzati per la serie.

Un boss barbuto con una mazza in mano in Resident Evil Village - nerdface

Abbiamo anche notato una scarsa caratterizzazione degli altri nemici. Tolta la Lady Dimitrescu e le sue figlie, gli altri avversari hanno forse troppo poco spazio dedicato e ci sarebbe piaciuto fossero stati un pelo più approfonditi. Nel complesso, Resident Evil Village è un ottimo gioco, capace d’intrattenere e vale sicuramente il prezzo di vendita. Non è però un’esperienza puramente horror e, se la cercavate, potreste esserne delusi. Se invece volete una decina di ore per farvi rapire da una trama lineare ma ben costruita, con fasi alterne tra action ed enigmi, allora sarà in grado di soddisfarvi. Resident Evil è cambiato: se sia un bene o un male ancora non siamo in grado di dirlo, ma sicuramente non è più quello che conoscevamo. Dobbiamo farci i conti.

Serie Resident Evil
Uscita 7 Maggio 2021
Gameplay Single Player
Anno 2021
Piattaforma PC
PS4
PS5
XBOX ONE
XBOX Serie X/S
Stadia
Genere Survival horror
FPS
Avventura
Sviluppatore Capcom
Produttore Capcom
Distributore Capcom

Condividi il post