The Accountant | Un buon thriller | Recensione

ben affleck in camicia bianca sta scrivendo qualcsao su una lavagna in vetro già ricca di numeri - nerdface
locandina ufficiale di the accountant - nerdface

Il voto di Nerdface:
3.5 out of 5.0 stars

Titolo originale The Accountant
Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2016
Durata 128 minuti
Uscita 27 Ottobre 2016
Genere Azione
Thriller
Regia Gavin O’Connor
Sceneggiatura Bill Dubuque
Fotografia Seamus McGarvey
Musiche Mark Isham
Produzione Electric City Entertainment
Zero Gravity Management
Distribuzione Warner Bros.
Cast Ben Affleck
Anna Kendrick
J. K. Simmons
Jon Bernthal
Jean Smart
Cynthia Addai-Robinson
Jeffrey Tambor
John Lithgow
Seth Lee
Robert C. Treveiler
Mary Kraft

Il voto di Nerdface:
3.5 out of 5.0 stars

«È davvero un Pollock?»

Fortunatamente, questa volta il titolo originale non è stato tradotto liberamente in italiano: Il Commercialista avrebbe avuto molta meno presa sul pubblico, oppure avrebbe corso il rischio di risultare un thriller a tinte troppo forti… The Accountant è la straordinaria storia di Christian Wolff, un contabile free lance immischiato nei giri di denaro più loschi della Terra.

ben affleck come sempre inespressivo è di fronte a uno specchio sul quale sono un disegno attaccato raffigura diverse espressioni del volto, ma tanto non servirà - nerdface

Interpretato da Ben Affleck, il protagonista non ha cercato d’appartenere a questo mondo, piuttosto è stata una conseguenza della sua indole. È affetto da una grave Sindrome di Asperger sin dalla nascita e, per diversi anni, la sua famiglia s’è dovuta occupare di lui, con grande preoccupazione per il suo futuro. Suo padre, ben cosciente della situazione, gli è stato molto vicino e lo ha allenato a vivere e a difendersi.

Un uomo apparentemente spietato

Chris ha quindi imparato l’autocontrollo diventando, in molti casi, una vera e propria macchina da guerra: la sua patologia, poi, lo rende spietato e apparentemente privo di coscienza, soprattutto in considerazione del suo bisogno d’ultimare il compito assegnatogli, a tutti i costi. The Accountant introduce in modo inedito l’autismo in un filone action, ma solo in apparenza sembrerebbe fuori luogo. Vedere Ben Affleck in questa veste fa pensare simmetricamente a Rain Man con indosso il costume di Batman, ma si tratta della potenza dei cinecomic. L’attore vi è entrato con Batman v Superman: Dawn of Justice, non senza mal di pancia degli amanti dell’Uomo Pipistrello, e molte sequenze di combattimento riportano immediatamente alle atmosfere cupe di quell’ambientazione.

Una macchina perfetta

Ma qui non c’è Martha che tenga e questo commercialista palestrato rasenta la perfezione in tutto quanto intende fare: ha un’elevata abilità di calcolo matematico, riesce a stare sveglio per molte ore consecutive, è chirurgico nelle uccisioni, sia ravvicinate che a distanza. È un killer perfetto, insomma, ma non è così facilmente assoldabile, proprio perché non agisce per interessi economici personali o fini politici. Esegue il compito solo se può farlo senza sbavature: se, poi, questo coincida con gli interessi e la risoluzione dei problemi dei più potenti narcotrafficanti del Pianeta, è un affare che poco gli interessa. Non si cura delle storie delle sue vittime e di cosa si muova intorno a esse: prende il lavoro, lo esegue e incassa i soldi. Semplice e pulito.

ben affleck sta studiando un documento pieno zeppo di numeri - nerdface

Il suo stile, però, attira l’attenzione dell’FBI. L’agenzia gli è alle costole da diversi anni, ma l’ufficiale Ray King (J.K. Simmons) è ancora lontano da scoprire la sua identità e sarà costretto a scegliere se avvalersi di mezzi meno consoni, se non proprio a sforare nell’illegalità, per scoprire qualcosa di più concreto. In The Accountant seguiamo la storia di un personaggio neutrale e pieno di difficoltà nel mostrare i propri sentimenti, sia ai familiari che alla sua collega (Anna Kendrick), la quale lavora come contabile presso una grande società, la Living Robotics, e ha appena trovato un buco nel bilancio di diversi milioni di dollari.

Un ottimo Ben Affleck

Per questo motivo è chiamato in causa e, tra numeri e pallottole, vi si dedica. Ben Affleck è molto bravo nella sua interpretazione e sembra immedesimarsi molto in questo ruolo. The Accountant è un film molto lineare e con pochi colpi di scena, ma comunque gradevole. L’intera storia è costruita intorno al personaggio principale: l’autismo può essere davvero funzionale a far diventare un uomo tecnicamente superiore alla media? E una storia come questa potrebbe contribuire a guardare una sindrome ancora ricca di mistero (se non proprio di bufale, come quelle sui vaccini) in modo diverso e, con essa, chi ne è affetto?

completamente vestito di nero, ben affleck è accovacciato addosso a un muro e imbraccia un fucile - nerdface

Sembrerebbe anche questo il fine di The Accountant ed è rivolto in modo particolare al popolo americano: com’è pure menzionato nel corso della trama, gli USA hanno un alto tasso di nascite con sindromi autistiche e i bambini che ne portano i sintomi sono considerati malati mentali. Altre pellicole, in passato, hanno raccontato le storie incredibili di uomini o donne affetti da patologie psichiatriche: viene in mente A Beautiful Mind, con Russell Crowe nei panni del matematico John Nash; oppure The Imitation Game, con Benedict Cumberbatch chiamato a interpretare Alan Turing. Qui si arriva al parossismo e non sappiamoo quanto possa essere tranquillizzante pensare a un risvolto da killer di un Asperger…

Un pericoloso equilibrio

Su questo sottile e pericoloso equilibrio, sempre teso tra action e farsa, The Accountant fortunatamente riesce a restare sostanzialmente nel primo versante: merito delle tante arti marziali chiamate in causa nei combattimenti, di un ritmo teso e di un protagonista comunque interessante, al quale si affianca un cast di tutto rispetto. C’è Jon Bernthal, star di Netflix dopo la grande interpretazione del Punitore in Daredevil; c’è J.K. Simmons, tra i prediletti di Sam Raimi; ci sono i cinquant’anni di carriera di John Lithgow. E poi, almeno per una buona fetta di pubblico, The Accountant ha il merito di far dimenticare per un paio di ore che Ben Affleck per lungo tempo stenderà il proprio mantello su Gotham City.

Condividi il post

Titolo originale The Accountant
Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2016
Durata 128 minuti
Uscita 27 Ottobre 2016
Genere Azione
Thriller
Regia Gavin O’Connor
Sceneggiatura Bill Dubuque
Fotografia Seamus McGarvey
Musiche Mark Isham
Produzione Electric City Entertainment
Zero Gravity Management
Distribuzione Warner Bros.
Cast Ben Affleck
Anna Kendrick
J. K. Simmons
Jon Bernthal
Jean Smart
Cynthia Addai-Robinson
Jeffrey Tambor
John Lithgow
Seth Lee
Robert C. Treveiler
Mary Kraft

Categorie