Furia cieca: quando Rutger Hauer fu lo Zatoichi americano

rutger hauer in zatoichi sguaina la katana davanti un campo di grano - nerdface

Furia cieca

il poster di furia cieca mostra rutger hauer affettare le armi dei suoi nemici mentre sorride - nerdface

«Unreasonable men make life so difficult».

Titolo originale Blind fury
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 17 Agosto 1989
Durata 86 minuti
Genere Action
Commedia
Regia Philip Noyce
Cast Rutger Hauer
Terry O’Quinn
Brandon Call
Meg Foster
Lisa Blount
Noble Willingham
Randall Tex Cobb
Nick Cassavetes
Rick Overton
Shō Kosugi
Charles Cooper
Paul James Vasquez
Julia González

Zatoichi negli USA

Era il lontano 1982, il mondo era nel pieno del periodo dell’edonismo, la Tatcher era già da tre anni a capo del Regno Unito e Ronald Reagan s’era seduto da un anno sulla poltrona più potente del mondo, scatenando una combo che avrebbe cambiato il mondo per sempre. Nel frattempo, a Hollywood un aspirante produttore dal nome di Tim Matheson (esatto, proprio l’Eric di Animal house!) chiese a un suo collega più esperto, Daniel Grodnik, di farsi introdurre alla professione, sentendosi rispondere che, se avesse portato un progetto degno di nota, l’avrebbero prodotto insieme.

Sulla scia di un grande

Matheson, allora, fece vedere all’amico una pellicola giapponese su un samurai cieco, Zatoichi challanged. L’obiettivo era quello di trasporre la trama del film negli USA contemporanei, un po’ come fece Sergio Leone con La sfida del samurai di Akira Kurosawa, trasportandolo nel vecchio West e realizzando Per un pugno di dollari.

Sembrava facile, ma…

Sembrava un compito semplice, uno di quelli che facilmente si portano a casa, una action comedy che avrebbe incassato il giusto, lasciando tutti contenti. Invece, 7 anni, 3 registi e 11 versioni della sceneggiatura dopo, finalmente Furia cieca riesce a vedere la luce del proiettore.

rutger hauer con le foglie sugli occhi è nutrito da alcuni vietnamiti - nerdface

Diretto da Phillip Noyce e col compianto Rutger Hauer protagonista, il mitico Roy Batty di Blade runner di Ridley Scott, Furia cieca sembrava essere un investimento sicuro, perfetto per l’audience del periodo. Ovviamente, floppò miseramente. Con 10 milioni di dollari circa di budget e neanche 3 incassati, il progetto a lungo termine che prevedeva la realizzazione una trilogia fu cancellato definitivamente.

La lunga strada di un cult

Un peccato, perché nel corso del tempo, come accaduto a centinaia di film prima, Furia cieca registrerà un buon successo nel mercato in Home Video, guadagnando lo status di cult. Gli elementi per esserlo, in effetti, ci sono tutti: Furia cieca è una pellicola tutto sommato godibile, una di quelle che, la domenica pomeriggio, riescono a svoltare la giornata.

L’arte della spada

Racconta di Nick Parker, un soldato in Vietnam che, in seguito a un terribile incidente sul campo di battaglia, diviene cieco. Catturato da alcuni abitanti del luogo, apprende da essi l’arte della spada in una vita vissuta nel buio totale. Una volta tornato negli USA, va in cerca di un suo commilitone, Terry, che scopriamo avere debiti col proprietario di un casinò di Reno. Per farsi ripagare, lo costringe a produrre droga, in quanto chimico affermato. Una volta arrivato a casa sua, Nick scopre che Terry ha lasciato la sua famiglia per andare a vivere a Reno. Gli scagnozzi del proprietario del casinò, però, arrivano a casa loro per rapire suo figlio, in modo da poterlo ricattare. Nick salverà il bambino, andando poi a Reno e fare lo stesso col suo amico.

in furia cieca rutger hauer affronta con la spada un uomo armato di pistola - nerdface

Furia cieca, nonostante le sue nefandezze in fatto di realismo (improbabile che i prigionieri in Vietnam fossero addestrati e accuditi, difficile ottenere gli ultra-sensi se non si è vittima di incidenti con scorie radioattive!), è un film con un suo fascino.

La tradizione del Sol Levante

Non sembra attingere pienamente dal cinema americano, bensì da quello coi samurai del Sol Levante: se fosse stato ambientato nel periodo feudale giapponese, lo avremmo accostato a un’opera di Akira Kurosawa. Purtroppo, però, il samurai interpretato da Rutger Hauer non convinse il pubblico internazionale, stroncando sul nascere una potenziale carriera da lead nei film action. Ma se l’attore ha avuto una carriera di tutto rispetto, fu proprio Tim Matheson a pagare dazio: Furia cieca fu la sua prima e ultima pellicola prodotta.

lo shop di nerdface

Condividi il post

Titolo originale Blind fury
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 17 Agosto 1989
Durata 86 minuti
Genere Action
Commedia
Regia Philip Noyce
Cast Rutger Hauer
Terry O’Quinn
Brandon Call
Meg Foster
Lisa Blount
Noble Willingham
Randall Tex Cobb
Nick Cassavetes
Rick Overton
Shō Kosugi
Charles Cooper
Paul James Vasquez
Julia González