Willow: curiosità e retroscena di un cult inaspettato

willow allarga le braccia come a ricevere un applauso - nerdface

Willow

il manifesto ufficiale mostra willow sulle spalle di madmartigan - nerdface

«Don’t call me a peck!».

Titolo originale Willow
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 20 Maggio 1988
Durata 126 minuti
Genere Fantasy
Regia Ron Howard
Cast Warwick Davis
Val Kilmer
Joanne Whalley
Patricia Hayes
Gavan O’Herlihy
Phil Fondacaro
Pat Roach
Rick Overton
Kevin Pollak
Billy Barty
Jean Marsh
Mark Northover
Julie Peters
Dawn Downing
Maria Holvoe
David Steinberg
Ron Tarr

Un cult inaspettato

Dici Fantasy e pensi a Il Signore degli Anelli o ai cartoni animati di D&D. Oppure, pensi a qualche lungometraggio dimenticato firmato Disney, tipo Taron e la pentola magica o Il mostro del lago di fuoco. Ricordi pure quel mattone di Dark crystal. E poi c’è Willow, film del 1988 diretto da Ron Howard che racchiude l’essenza del Fantasy classico. È epico e magico, esotico e classico, nonostante un cattivo forse piuttosto anonimo, a fronte di quanto di buono facciano gli eroi.

La storia

Partiamo dalla storia, semplice: Willow è un contadino ed è un nano, ovviamente diverso da quelli cui siete abituati lontani dai film. Ha aspirazioni da mago puntualmente ridimensionate e con le quali il giovane dovrà confrontarsi per tutto il resto della vicenda. Accade, infatti, che Willow trovi una bambina umana, in fasce e nella foresta: invece d’abbandonarla al suo destino, decide di riportarla al popolo al quale appartiene.

Un azione di cuore

L’azione di cuore avrà conseguenze ben al di là del previsto, perché la piccola è una Principessa scampata all’omicidio di tutta la sua famiglia, perpetuato dalla perfida strega Bavmorda, usurpatrice alla ricerca della pargola, indicata da una profezia come colei in grado di sconfiggerla. Già così si possono riconoscere gli stilemi classici del genere: principesse, maghi, streghe cattive e compagnia cantante. Ovviamente, però, un fantasy non è degno di questo nome se manca il viaggio.

willow tiene in braccio la neonata avvolta nella stoffa - nerdface

E Willow lo intraprende insieme a una nutrita schiera di suoi simili, fino a quando… Lasciamo volutamente il resto a chi di voi vorrà rivedere il film o, se siete molto giovani, vederlo per la prima volta. Voi neofiti sappiate solo che Willow troverà molto più della ricompensa per una buona azione, com’è giusto che accada in una pellicola del genere.

Gli effetti speciali

Andando oltre la trama, Willow s’avvale anche di un comparto di effetti speciali non affatto male per l’epoca. Stiamo parlando di morphing, principalmente, ma anche di tutto quanto deve rendere visivamente su schermo un mondo popolato da troll e draghi, da streghe e grandi eserciti. Più di Bavmorda, a rimanere in mente sono le altre creature e i personaggi secondari.

Madmartigan

Primo fra tutti Madmartigan, interpretato da un giovane Val Kilmer. È un guerriero abilissimo e una canaglia alla Han Solo: ve lo abbiamo già detto che la storia di Willow è stata scritta da un certo George Lucas?.. È di grandissimo cuore e con un grande senso dell’onore: impossibile non rimanere conquistati dal carisma del personaggio, anche per chi non ama particolarmente Val Kilmer.

la malvagia bavmorta è circonadata dai suoi scagnozzi - nerdface

Madmartigan travalica l’attore ed è uno spettacolo ricordare le sue scene più belle e le battute un po’ da guascone, capaci d’aggiungere un’ironia perfettamente dosata alla narrativa. Sì, perché Willow è davvero pensato per essere un film che ti attacca su tutti i fronti, in perfetto equilibrio tra fantasy e favola, soprattuto quando entrano in scena altri due personaggi, due folletti protagonisti tra i momenti più divertenti in assoluto.

Epica e intrattenimento

C’è l’epica, in Willow, e rimane non troppo alta, ma ben piazzata per tutto il film, un po’ come succedeva ne La storia fantastica: l’obiettivo è intrattenere e nutrire il bambino in noi, atterrirlo con un mostro e affascinarlo con le bacchette magiche e le formule degli incantesimi e i nani i folletti e le pozioni, in un crescendo verso un finale forse non raffinato, ma privo d’amaro in bocca.

La fantasia diventa realtà

La sostenibile leggerezza del Fantasy è quasi tutta in questa pellicola con poche pretese, ma che arriva a incassare più del doppio del suo costo e che entra di diritto nelle videoteche degli appassionati, come anche il suo protagonista Warwick Davis, il cui ruolo principale era stato quello di Wicket in una cosuccia chiamata Il ritorno dello Jedi.

madmartigan è zuppo e sembra sorpreso d'essere scampato a un qualche pericolo - nerdface

Come molte pellicole di George Lucas, anche l’idea di Willow era nata molto prima che ci fosse la tecnologia per realizzare il film. Alla fine è vero: basta saper aspettare e metterci tutto l’impegno possibile e la fantasia diventa realtà.

L’artwork di Denise Esposito

artwork di denise esposito - nerdface

Condividi il post

Titolo originale Willow
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 20 Maggio 1988
Durata 126 minuti
Genere Fantasy
Regia Ron Howard
Cast Warwick Davis
Val Kilmer
Joanne Whalley
Patricia Hayes
Gavan O’Herlihy
Phil Fondacaro
Pat Roach
Rick Overton
Kevin Pollak
Billy Barty
Jean Marsh
Mark Northover
Julie Peters
Dawn Downing
Maria Holvoe
David Steinberg
Ron Tarr