Ritorno al futuro: la trilogia imperdibile per ogni viaggiatore

la delorean sfreccia e lascia la scia di fiamme in ritorno al futuro - nerdface

Ritorno al futuro

il celebre poster di ritorno al futuro con marty mcfly che controlla l'orologio - nerdface

«Se i miei calcoli sono esatti, quando questo aggeggio toccherà le 88 miglia orarie ne vedremo delle belle».

Titolo originale Back to the future
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 3 Luglio 1985
Durata 116 minuti
Genere Avventura
Commedia
Fantascienza
Regia Robert Zemeckis
Cast Michael J. Fox
Christopher Lloyd
Lea Thompson
Crispin Glover
Thomas F. Wilson

E alla fine il futuro è arrivato

Dando per scontato che la maggior parte di voi conosca a memoria l’intera trilogia di Ritorno al futuro, ho deciso d’impostare questo articolo per quelli che seguono Nerdface e sono troppo giovani per averla vista. Inizierò con un semplice e conciliante: «Cosa diavolo state aspettando?!». Date retta agli zii, che di nerdate ne hanno viste tante nel corso degli anni, e correte a recuperare tutti e tre i film della saga capace di rendere immortale la DeLorean, in quanto «dovendo trasformare un’automobile in una macchina del tempo, perché non usare una bella automobile?».

Un’idea

È il lontano 1985 quando Ritorno al futuro arriva nei cinema. L’idea per la trama era venuta allo sceneggiatore Bob Gale, quando aveva ritrovato il vecchio annuario del liceo di suo padre e s’era chiesto se mai avrebbe potuto diventargli amico, se lo avesse conosciuto in quel periodo. Parlandone con Robert Zemeckis, al regista venne in mente una madre che raccontava di non aver mai baciato nessuno al liceo, ma che in realtà era stata abbastanza allegrotta e, qualcuno dice, si trattasse della sua.

Lo zampino di Steven

Sia come sia, i due si misero al lavoro e sfornarono uno dei film di maggior successo di quell’anno; ci mise lo zampino anche Steven Spielberg, in qualità di produttore esecutivo. E ti pareva! La storia era semplice e si basava sul celebre Paradosso del Nonno: se torno indietro nel tempo e uccido mio nonno prima che abbia figli, esisterò ugualmente o scomparirò nel nulla? In effetti il paradosso è un tantino più articolato, ma per Bob Gale e Robert Zemeckis andava benissimo così.

doc brown e marty mcfly guardano la delorean in ritorno al futuro - nerdface

Costato 19 milioni di dollari, Ritorno al futuro arriverà a incassarne più di 200 e a catapultare Michael J. Fox, già attore di successo all’epoca in TV, grazie alla serie Casa Keaton, nell’Olimpo dorato delle superstar; con lui, lo stesso Robert Zemeckis e Christopher Lloyd, interprete di Doc Brown, l’inventore al quale si deve il Flusso Canalizzatore «che permette i viaggi nel tempo».

Le tante scene cult

Alcune scene rimangono impresse così tanto nella memoria da divenire veri cult: la corsa con lo skateboard improvvisato, il solo di chitarra di Michael J. Fox suonato nel silenzio attonito della sala e la mitica frase tormentone pronunciata da suo padre, nel momento di più alto riscatto maschile: «Ehi tu porco levale le mani di dosso».

I sequel

Il finale del primo capitolo è abbastanza aperto e infatti non bisogna aspettare molto perché esca il sequel. Nel 1989 arriva così Ritorno al futuro 2. Se nel primo si partiva dal 1985 per tornare al 1955, nel secondo la destinazione è il futuro prossimo, quello con macchine volanti e skateboard anti-gravitazionali, quello dei robot intelligenti e della realtà virtuale… Il 2015. Ehm… La trama rielabora quanto successo nel primo capitolo e introduce il concetto di linea temporale. Fantascienza? No, nient’affatto: ci sono alcune teorie che più o meno danno ragione al film. Se l’argomento v’incuriosisce, la nostra rubrica Weird Science viene in vostro aiuto.

doc brown dal futuro parla con marty mcfly in ritorno al futuro 2 - nerdface

L’anno successivo arriva Ritorno al futuro 3, capitolo conclusivo e più amato dal sottoscritto. L’epoca nella quale è ambientato è il 1885, il Far West americano. Ora, anche se non avete mai visto uno dei tre film, bisogna dire chiaramente che è impossibile non vi siate mai imbattuti in una citazione di uno di essi visto che, letteralmente, impestano ogni media possibile e immaginabile.

marty mcfly in ritorno al futuro 2 è di fronte alla delorean volante - nerdface

Citiamo, per esempio, I Griffin con il loro Black to the future, oppure il recente Un milioni di modi per morire nel West, film che cerca di rimanere sulla linea di confine sottile del nonsense, concedendosi di superarla solo quando il protagonista, attirato da alcuni lampi provenienti da un fienile, lo apre e ci trova dentro Doc Brown, cioè davvero Christopher Lloyd e la DeLorean. Ad aggiungere un tocco in più, Doc Brown pronuncia il suo tormentone «Grande Giove!», sull’accenno del tema musicale composto all’epoca da Alan Silvestri.

Altre citazioni

Citazioni anche dove non te le aspetti: in Indiana Jones e il regno del Teschio di Cristallo, una delle scene più criticate è quella nella quale Indy si nasconde in un frigorifero per scampare all’esplosione di una bomba atomica. Si tratta di un omaggio alla prima versione della sceneggiatura di Gale, che prevedeva una macchina del tempo ricavata da un frigorifero e la sua attivazione per mezzo della detonazione di un’atomica. Sapendo questo, possiamo perdonare Steven Spielberg, o almeno depennare quella scena dalla lunga conta dei peccati di quel film.

doc brown e marty mcfly nel west in ritorno al futuro 3 - nerdface

Oltre a quelle sugli altri media, la stessa trilogia di Ritorno al futuro è infarcita di citazioni autoreferenziali, che si traducono in una serie di cliché e situazioni che si ripetono in ognuno dei tre capitoli in maniera simile, ma non uguale. La rozzezza dei modellini «non in scala e non dipinti» di Doc Brown, per esempio, o il triste destino che attanaglia la famiglia del cattivo della serie, Biff Tannen, e che sembra spingerlo sempre contro una camionata di letame fumante.

Ancora sulla cresta dell’onda

Poi c’è lo skateboard e il film Jaws 19 (Lo squalo 19), che appare nel 2015 girato da Max Spielberg, nome del vero figlio di Steven; il non pensare «quadrimensionalmente» e «l’esperimento metereologico»; il fulmine che ha colpito la torre dell’orologio e il videogame Wild gunman; i pugni presi dai Tannen nelle varie epoche e i coinvolgimenti sentimentali che rischiano di far collassare l’universo.

il flusso canalizzatore di ritorno al futuro - nerdface

Insomma, la trilogia di Ritorno al futuro è principalmente divertimento, perché il suo stesso spirito è leggero e questa cosa traspare in ogni scena, anche nelle più drammatiche, ed è certo riflesso quanto hanno provato gli sceneggiatori e il regista mentre la realizzavano. Sono tre capitoli ancora sulla cresta dell’onda e la loro fama non accenna a diminuire, quindi, tornando ai più giovani che non li hanno mai visti, ora me lo dite: «Cosa diavolo state aspettando?!».

lo shop di nerdface

Condividi il post

Titolo originale Back to the future
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 3 Luglio 1985
Durata 116 minuti
Genere Avventura
Commedia
Fantascienza
Regia Robert Zemeckis
Cast Michael J. Fox
Christopher Lloyd
Lea Thompson
Crispin Glover
Thomas F. Wilson