Shining: il mattino ha ancora il sapore dell’oro in bocca

la celeberrima scena di shining in cui jack nicholson si affaccia dalla spaccatura inferta alla porta del bagno con l'ascia - nerdface

Shining

il poster ufficiale originale di shining - nerdface

«Il mattino ha l’oro in bocca».

Titolo originale The shining
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 23 Maggio 1980
Durata 144 minuti
Genere Horror
Thriller
Regia Stanley Kubrick
Cast Jack Nicholson
Shelley Duvall
Danny Lloyd
Scatman Crothers
Barry Nelson
Philip Stone
Joe Turkel
Barry Dennen
Lisa Burns e Louise Burns
Glenn Rinker
Manning Redwood
Anne Jackson
Tony Burton

We all shine on

«We all shine on», le parole del ritornello nella canzone di John Lennon in Instant karma!, un viaggio in albergo con la famiglia ed ecco che Stephen King si ritrova, nel 1977, a scrivere uno dei romanzi più conosciuti della storia: Shining. A sua detta, l’ispirazione arrivò vedendo alcune suore lasciare l’hotel: era inverno e tutto diventò più cupo. Le vicende che poi portarono Stanley Kubrick a modellare il suo film sono davvero troppe, come le telefonate intercorse con Stephen King.

La scelta del cast

Andiamo con ordine, dai protagonisti. Partiamo da quello maschile. All’inizio Stanley Kubrick pensò a Robert De Niro e Robin Williams. Vedendo alcuni loro film, però, sentì che erano sprovvisti di quel tocco per rendere al meglio lo psicopatico Jack Torrance di Stephen King. Jack Nicholson, al contrario, lo possedeva.

una foto del dietro le quinte di shining mostra stanley kubrick mentre fa una foto a jack nicholson - nerdface

La protagonista femminile, poi, fu consigliata proprio dall’attore, Shelley Duvall, nonostante lo scrittore preferisse una donna bionda e d’aspetto più grazioso. Infine, Danny Lloyd vestirà il ruolo del bambino, sebbene la parte fosse stata pensata per l’attore del film Incontri ravvicinati del terzo tipo.

L’Overlook Hotel

Costruita la famigliola, inizia la loro avventura in Shining, un film rivoluzionario per l’epoca, il 1980, a partire dalle riprese e per finire con una fotografia che tutt’oggi rimane un’icona nel cinema horror. La storia si basa, in breve, sul trasferimento di padre, madre e bambino presso l’Overlook Hotel, in Colorado.

in shining shelley duvall dice qualcosa di importante al figlioletto - nerdface

Jack Torrance deve prendersene cura per tutto l’inverno, mantenendo calde le sale e spalando di tanto in tanto la neve. Si tratta di cinque mesi in totale isolamento, in un grande albergo vuoto e abitato solo dai nostri protagonisti.

Il tragico precedente

L’uomo è avvertito sin dal primo colloquio: è una condizione che potrebbe creare disturbi psicologici, come accaduto a un altro custode dieci anni prima, il quale uccise tutta la sua famiglia e poi si suicidò.

jack torrance è a colloquio con due uomini per accettare il lavoro: è il prologo di shining - nerdface

Shining si svolge seguendo la discesa nella follia della mente di Jack: se all’inizio la sua figura è rappresentata come quella di un padre e di un marito normale, sebbene con un problema d’alcolismo, alla fine del film è completamente deformata.

La stanza 237

La stanza numero 237, nel libro la 217, è il luogo della svolta decisiva e della caduta nella pazzia, mentre una moglie troppo apprensiva e servizievole innesca la sua rabbia e un figlio sospettoso e lungimirante conferma il suo stato mentale irrecuperabile.

le due gemelline diaboliche sul set di shining - nerdface

Seguendo il crollo di Jack, i suoi colloqui con persone immaginarie e un finale che lascia diversi dubbi, lo spettatore si chiede se sia mai esistito, se sia stato effettivamente lui a rincorrere il figlio con l’ascia, nell’hotel e poi attraverso il labirinto di siepi esterno.

lo shop feltrinelli dove acquistare il gioco da tavolo shining - nerdface

Se, con l’inquadratura sulla fotografia, nel finale, sia stato proprio lui a fare a pezzi la famiglia per poi uccidersi. Stanley Kubrick ci pone davanti a un bivio, con molte domande e poche risposte.

Gli ingredienti di un cult

Shining, storia a parte, rimane un capolavoro cinematografico. Basti pensare che l’interno dell’Overlook Hotel fu appositamente costruito per girare il film, mentre le due gemelle incontrate spesso da Danny nelle sue corse in triciclo sono un tributo a Diane Arbus, per la fotografia Identical twins, Roselle, New Jersey, 1967.

lo shop feltrinelli dove acquistare il libro shining - nerdface

il labirinto di siepi fu costruito appositamente, tutto in polistirolo e l’inquietante fotografia finale è vera e risale al 1920: su di essa è poi stato montato solo il volto di Jack Nicholson. Ogni elemento è scelto con cura e contribuisce all’atmosfera soffocante e di tragedia incombente del film, sin dalle riprese aeree iniziali.

in shining jack torrance è impazzito e sta inseguendo per le scale sua moglie - nerdface

Ancora: la bellissima ragazza nel bagno della stanza 237, che improvvisamente diventa una vecchia deforme e inquietante; l’ascensore che inonda il corridoio di sangue; il significato stesso dello Shining, la Luccicanza che permetteva a Danny, impersonato da Lloyd in maniera impeccabile, di vedere il futuro o fatti accaduti in passato.

lo shop feltrinelli dove acquistare il blu-ray 4k uhd di shining - nerdface

Ognuno, insomma, conserva istantanee di una storia che resta impressa e sedimenta, a partire dal primo piano sulla porta spaccata da cui emerge il ghigno di Jack Nicholson, apice di un dramma cadenzato dalla colonna sonora appositamente scritta da Wendy Carlos e Rachel Elkind, ma ideata dallo stesso Stanley Kubrick.

Un capolavoro

Insomma, la lista di momenti memorabili è davvero lunga e, nonostante Shining sia stato follemente nominato a 2 Razzie Award nel 1981 per la Peggior Regia e la Peggior Attrice Protagonista, e sebbene Stephen King sia rimasto (inutilmente) insoddisfatto del risultato, rimarrà nella storia per quello che è: un capolavoro.

jack nicholson è ripreso da kubrick al bancone del bar in shining - nerdface

Non tanto per le tecniche e le accortezze usate, non solo il periodo storico in cui uscì, quanto per l’orrore che ci suscitò e ci suscita ancora: Shining non fu sangue finto e pezzi di carne sui pavimenti, ma brividi sul collo e mancanza di fiato, denti digrignati e tanta, tantissima tensione.

Condividi il post

Titolo originale The shining
Lingua originale inglese
Paese USA
Data d’uscita 23 Maggio 1980
Durata 144 minuti
Genere Horror
Thriller
Regia Stanley Kubrick
Cast Jack Nicholson
Shelley Duvall
Danny Lloyd
Scatman Crothers
Barry Nelson
Philip Stone
Joe Turkel
Barry Dennen
Lisa Burns e Louise Burns
Glenn Rinker
Manning Redwood
Anne Jackson
Tony Burton

Categorie