Sylvester Stallone: da Rocky a Rambo, i film di un mito

Primo piano di Sylvester Stallone - nerdface

Sylvester Stallone

Primo piano di Sylvester Stallone - nerdface

«Every time I’ve failed, people had me out for the count, but I always come back».

Pugni nelle mani

Leggi Sylvester Stallone e già capisci dove s’andrà a parare, perché questo attore di origini italo-americane non è stato solo uno dei più rappresentativi degli anni ’80, ma continua a esserlo pure oggi. Il segreto della sua iconografica espressione è dato da una leggera paresi del lato sinistro del corpo, dovuta alla rescissione del nervo facciale, a causa del forcipe usato quando venne al mondo. Incredibile a dirsi, poi, ma Sylvester Stallone in gioventù soffriva di rachitismo e, infatti, la figura mostrata in uno dei suoi primi film è tutto fuorché imponente.

Italian Stallion

Parliamo di Italian Stallion: Porno Proibito. A dispetto del titolo, si tratta di un softporn, presenta alcune scene hard, ma non pornografiche pure se, negli anni, molti abbiano sostenuto che la versione arrivata al cinema avesse subito tagli ad hoc delle scene più esplicite. La cosa è stata smentita più volte anche da chi ha avuto modo di visionare le bobine originali del film, tuttavia una versione davvero porno ha fatto la comparsa nel 2007, ma ancora una volta non è stata riconosciuta alcuna partecipazione dell’attore. Il porno di Sylvester Stallone è diventato quasi una leggenda metropolitana e i diritti sullo stesso, insieme a una copia originale in 35mm, sono finiti su eBay e venduti per 410 mila dollari. Sul film lo stesso protagonista è tornato più volte, dichiarando quanto in quel periodo si trovasse in gravissime condizioni economiche, lasciando intendere d’aver accettato la parte solo per sbarcare il lunario; senza fissa dimora, dormiva nelle stazioni degli autobus. Italian Stallion cercò, poi, di tornare quasi fosse incubo nella vita di Sylvester Stallone, quando i produttori del film gli chiesero 100 mila dollari per bloccarne la distribuzione. La risposta di Sly potete intuirla da quanto la pellicola sia ultranota… Lasciamoci alle spalle il magrolino Sylvester Stallone del filmetto pruriginoso e, dalle stalle, arriviamo alle stelle. È, infatti, appena dell’anno successivo (1971) Il Dittatore dello Stato Libero di Bananas, firmato da Woody Allen, dove Sly ha una piccola, ma accreditata parte. La cosa non dovrebbe poi stupire tanto, perché in effetti non è un attore per caso e ha coltivato la carriera con passione fin dal college, frequentando la facoltà d’Arte Drammatica e partecipando ad alcuni spettacoli studenteschi.

Rocky

Ovviamente, l’anno davvero importante è il 1976, quando nelle sale arriva il film destinato a consacrarlo presso il grande pubblico e a segnare la sua e la nostra vita. È, infatti, l’anno in cui inizia la saga di Rocky Balboa, pugile italo-americano proveniente dalla strada e al quale il campione del mondo offre l’occasione di riscattarsi. Per Rocky, Sylvester Stallone riceve 2 candidature all’Oscar, una come Miglior Attore, l’altro come Miglior Sceneggiatura Originale, in quanto ne è anche l’autore. Inutile dirlo, insieme a Rocky nasce una leggenda cinematografica, un’icona in grado d’annoverare omaggi e parodie di tutti i tipi e d’aver generato parecchi tormentoni, a cominciare dal celebre «Adrianaaaa!», rivolto alla partner sul set Talia Shire, per finire ai poco ortodossi e casarecci metodi d’allenamento, quasi un marchio di fabbrica della serie, passando per il «Ti spiezzo in due» di Ivan Drago, pronunciato da Dolph Lundgren, nel quarto film.

Sylvester Stallone vittorioso in Rocky - nerdface

Ancora, tutti i capitoli della saga, pure i meno riusciti, godono di una colonna sonora epica ed emozionante, firmata da Bill Conti. Eye of the Tiger, It’s no easy way out e Hearts on fire restano ancora canzoni capaci, da sole, di rinnovare tutte le emozioni provate e di farti ingollare quattro uova crude la mattina, per andare a cercare la prima scalinata utile. Un franchise da record, va detto, capace d’aver incassato la cifra iperbolica di 1 miliardo e 250 milioni di dollari, ben 3 se si aggiunge il mercato home video. Forse è più chiaro il perché ancora oggi escano altri film della saga di Rocky, al cui annuncio alcuni provano un senso d’ilarità, al pari della citazione presa da Maccio Capatonda usata per il titolo di questo articolo, per poi essere il più delle volte smentiti quando ci si rende conto di quanto Sly sappia sempre proporre pellicole emozionanti, nelle quali brilla costantemente. Basti pensare al recente e bello Creed: Nato per Combattere (2015), grazie al quale ha vinto un Golden Globe come Miglior Attore Non Protagonista e una candidatura agli Oscar nella stessa categoria, e al suo seguito del 2018.

Rambo

Dopo Rocky c’è ovviamente Rambo (1982), saga cinematografica sul soldato americano, reduce sconfitto del Vietnam, una guerra non sua. Drammatico e intenso il primo film, meno ispirati e propagandistici i successivi. Ma se pensate di legare la figura di Sylvester Stallone solo a queste due saghe, potreste avere diverse sorprese.

Primo piano di Sylvester Stallone in Rambo - nerdface

Scoprirete come fosse proprio lui dietro la macchina da presa in Staying Alive (1983), sequel del più famoso La Febbre del Sabato Sera, di cui firma anche la sceneggiatura. Per il resto degli anni ’80 e del decennio successivo Sylvester Stallone sarà profondamente legato a ruoli action e a una celebre rivalità con Arnold Schwarzenegger, nata più per marketing che per vera antipatia, ma dagli effetti simili a quelli sortiti dal confronto tra Duran Duran e Spandau Ballet di quella decade. Finirà anche in un film quale Last Action Hero dove, in una realtà parallela, Sly è indicato come l’attore nel ruolo del T800 di Terminator e Arnoldone commenta: «È la sua interpretazione migliore!». Una contrapposizione capace d’arrivare a tempi più recenti e al delizioso siparietto tra i due nel primo The Expendables. In ogni caso, gli anni ’80 sono costellati da perle d’azione sempre al limite del trash, eppure in grado di diventare riferimenti del genere e di consegnare immagini e battute al cinema: si pensi a I Falchi della Notte (1981)al rigore parato in Fuga per la Vittoria (1981), agli occhiali a specchio di Cobra (1986), alla sfida a braccio di ferro in Over the Top (1987), a Sorvegliato Speciale (1989) e al duo formato insieme a Kurt Russell in Tango & Cash (1989).

Azione e risate

Sylvester Stallone si concederà una pausa dai polizieschi e dai ruoli più fisici, partecipando alla commedia di John Landis Oscar: un Fidanzato per Due Figlie (1991), poi sarà ancora impegnato con Fermati o Mamma Spara (1991), commedia anch’essa, ma molto meno fortunata della precedente. È giusto una parentesi, perché arrivano subito dopo Cliffhanger (1993) e Demolition Man (1993). Il primo è quel che è ed è ricordato soprattutto per la rinuncia di Sly alla controfigura in diverse scene d’azione, ma il secondo è uno dei film più caciaroni di sempre per antonomasia.

Firmato da un italiano, Marco Brambilla, è un action ambientato in un futuro distopico nella sua perfezione, nel quale il nostro si risveglia dopo essere stato criogenizzato per scontare alcuni reati. Insieme a Sandra Bullock e Wesley Snipes, Sylvester Stallone impersona il poliziotto della vecchia scuola, precipitato in una società irriconiscibile, che addirittura punisce il turpiloquio: la scena della carta igienica è uno dei momenti più divertenti in assoluto. Azione e risate, ma molte meno, non mancano nemmeno in Dredd: la Legge Sono Io (1995), cinecomic sul personaggio omonimo dei fumetti. Il film non è certo tra i più riusciti, ma gli diamo comunque un voto positivo per il coraggio.

Expendables

Risate e azione rappresentano anche il marchio di fabbrica di alcuni tra i suoi lavori più recenti e soprattutto della già citata saga degli Expendables, nella quale sono riuniti tutti gli eroi degli action movie del passato, in un’operazione capace di far commuovere tutti i bambini cresciuti negli anni ’80 e di riportare in auge un certo modo di costruire e presentare i film d’azione, tra battute fulminanti, incredibili discorsi sul senso della vita assolutamente fuori contesto, una barca di morti ammazzati e personaggi caratterizzati perfettamente. Se il primo Expendables probabilmente si prendeva troppo sul serio, i successivi hanno il pregio non solo di riunire gli attori icone del genere, ma di farlo in chiave autoironica: basti pensare all’ingresso in scena di Chuck Norris in Expendables 2 e ai tanti scambi di battute proprio col rivale di un tempo, Arnold Schwarzenegger.

Il cast del film Expendables - nerdface

Guardiani della Galassia

Altra saga ancora in corso di svolgimento è Escape Plan, dove Sly s’affianca a un’altra spalla che in qualche sembra aver ereditato, nei ruoli ricoperti tra action e film più impegnati, la sua eredità. Stiamo parlandi di Dave Bautista, col quale Sylvester Stallone ha diviso il set di Guardiani della Galassia: Vol.2, entrando di diritto così anche nel MCU. Abbiamo tenuto per ultimo il film che ha saputo convincere anche i più scettici della sua caratura d’attore: Cop Land (1997) segna probabilmente la sua interpretazione migliore, non appesantita dai 30 kg presi per interpretare uno sceriffo bullizzato dai suoi colleghi, corrotti e blasonati. Preferiamo che lo scopriate da soli: se siete della nostra generazione, Sylvester Stallone lo amate già, se ancora colpevolmente non lo fate, sarete costretti ad arrendervi. Com’è successo a un’edizione di Cannes, dove s’è presentato in pieno look da working class americana, suscitando il tripudio del pubblico e degli addetti ai lavori.

Condividi il post