Elliott Page: film e videogame di un attore di talento

Primo piano di Elliot Page - nerdface

Elliott Page

Primo piano di Elliot Page - nerdface

«I’m actually just playing honest, whole young women».

Pride

Nel 2006 molti di noi erano al cinema per vedere l’ultimo atto della trilogia di Bryan Singer dedicata agli studenti mutanti del Professor X. Non che i primi due fossero piaciuti tanto, vista l’inesorabile virata del copione destinata a prediligere e coccolare il Wolverine di Hugh Jackman, a discapito della coralità del gruppo. Sentivamo, però, di dover dare concretezza alle nostre scarse aspettative e per molti il film non fu affatto deludente, pur confermando d’essere, di fatto, il primo capitolo dedicato al succhiasigari artigliato. Il nuovo filone è andato leggermente meglio, sebbene il posto d’onore sembra essere passato alla Mystica di Jennifer Lawrence. In Conflitto Finale, però, c’era lui: Elliott Page, Kitty Pryde, Sprite, Shadowcat o in qualsiasi modo vogliate chiamarla.

Gli esordi

L’attrice canadese, seppur giovanissima, non era al suo esordio, anzi aveva alle spalle una carriera già discreta, avendo iniziato a recitare per la TV a soli 11 anni. L’anno prima, nel 2005, aveva poi già dato prova del suo talento recitando nel film Hard Candy, thriller sulla vendetta di una giovane contro un pedofilo. Complice una sceneggiatura ben scritta, per quanto non priva di sbavature, i ruoli di vittima e carnefice si invertono rapidamente: senza un buon attore come Elliott Page a supportare il lavoro di regista e sceneggiatore, il film avrebbe rischiato d’andare in vacca rapidamente.

E forse proprio grazie a questa prova, inizia a guadagnare anche la stima dei registi più in voga del momento. Nel 2006 arriva, dunque, il suo esordio nel mondo Marvel, con X-Men: Conflitto Finale, mentre nel 2007 è nel cast di An American Crime, tratto dalla storia vera di Sylvia Likens, sedicenne assassinata dopo atroci sevizie dalla donna che l’aveva in affidamento.

Juno

La vera prova d’attore per Elliott Page arriva, però, nel 2007. Si tratta di Juno, splendido film che la vede protagonista assoluta. Racconta la storia di una sedicenne rimasta incinta. Se l’avete visto, sapete bene con quanta delicatezza il tema sia trattato, lontano dalla semplice commedia e dal dramma esistenziale contro l’aborto. Di Juno, Elliott Page firma anche parte della colonna sonora, vista la sua passione per la musica e il suo saper suonare discretamente la chitarra. Le si aprono le porte a parecchi progetti, tanti che ad alcuni deve rinunciare.

Elliot Page in Juno mangia cibo da fast food in compagnia di un'amica - nerdface

Famoso è il caso di Sam Raimi, il quale l’avrebbe voluta in Drag me to Hell (2009), ma che sbattè il muso contro il diniego dell’attrice. Invece, Elliott Page accetta una parte non proprio da protagonista in Smart People (2008), commedia di Noam Murro per certi versi dimenticabile, così come il ruolo propostole dalla collega Drew Barrymore, per Whipe it (2009), ambientato nel mondo del Roller Derby, una specie di gara di pattinaggio su circuito in cui vale quasi tutto.

Il rilancio

L’anno del rilancio per Elliott Page è sicuramente il 2010, quando un Christopher Nolan tornato in ottima forma manda in sala il suo Inception. È chiamato a interpretare un architetto onirico e, insieme a Leonardo DiCaprio, Tom Hardy e agli altri protagonisti, arricchisce un film visivamente imponente. Sono di poco successive la sua partecipazione a To Rome with Love (2012) di Woody Allen e la sua incursione nel mondo dei videogame. Il suo volto è già molto noto, infatti, quando  Quantic Dream, reduce dal successo di Heavy Rain (2010), mette in cantiere una seconda opera con le stesse caratteristiche. Beyond Two Souls esce nel 2013 e la protagonista, grazie a un sapiente lavoro con la tecnica del Motion Capture, ha lineamenti, voce e fisico di Elliott Page. Accanto a lei c’è anche la versione digitalizzata di Willem Dafoe ma, nonostante il cast, Quantic Dream non riesce a bissare il successo del suo capitolo precedente, sebbene il nuovo titolo arriverà a vendere 1 milione di copie.

Primo piano di Elliot Page in Inception - nerdface

X-Men

Neanche il tempo di riprendersi ed è nuovamente il momento per Elliott Page di rivestire i panni di Kitty Pryde in X-Men: Giorni di un Futuro Passato (2014). Siamo assolutamente certi che molti di voi (se non tutti) abbiano visto il film in entrambe le sue versioni, quella normale e la Rogue Cut. Quindi sapete bene come sia un capitolo decisamente migliore dei suoi predecessori, malgrado continui a reggersi sul solito Wolverine. Lo stesso anno, l’attrice è anche protagonista della cronaca di costume, perché nel giorno di S. Valentino del 2014 fa pubblicamente outing e si dichiara omosessuale; nel 2018 dichiara d’aver sposato la sua compagna, Emma Portner. Giorni di un Futuro Passato sarà l’ultimo film degli X-Men nel quale Elliott Page ha partecipato, dato il bel reboot fatto del 2016 con X-Men: Apocalypse e ci dispiace non poterla rivedere nel ruolo di Shadowcat, che per molti è stato il primo incontro con l’attrice. In quello stesso anno presterà la voce a un delicatissimo film d’animazione che vi consgiliamo di recuperare, La Mia Vita da Zucchina. D’altra parte, il mondo del cinema ci ha abituato a non dare mai nulla per scontato ed Elliott Page, classe 1987, è ancora giovanissimo: ha davanti una strada ancora impossibile da definire. Lo aspettiamo.

L’artwork di Denise Esposito

Continua la collaborazione di Nerdface con la giovane fotografa e illustratrice Denise Esposito. Ecco la sua versione di Elliott Page!

Illustrazione di Elliot Page - nerdface

Condividi il post